fbpx

Come saranno le case dopo il coronavirus?

Come saranno le case dopo il coronavirus ? Continua a leggere e ti parleremo delle conseguenze che la pandemia ha avuto sulla nostra vita, e proveremo a scoprire i cambiamenti che stanno arrivando nel settore immobiliare.

covid quarantena e vendita case

 

L’impatto economico del coronavirus è stato brutale con un calo stimato del PIL tra il 6,6% e il 13,6%, secondo la Banca di Italia.

Questi calcoli non sono del tutto definitivi, ma sono senza dubbio indicativi e abbastanza affidabili, tenendo conto che i dati sulla disoccupazione vedono aumenti anche del  20%.

 

Come saranno le case e gli appartamenti dopo il coronavirus?

 

 

La situazione economica indica direttamente il potere d’acquisto degli italiani.

E il risultato è che il coronavirus sta avendo una conseguenza diretta nel nostro modello economico, alterando il mercato dell’affitto di case .

Questa contrazione economica indica una recessione senza precedenti, molto simile a quella del 2008 ma più breve.

Questo avrà un cambiamento molto significativo quando si tratta di acquistare case. Non solo l’acquisto di case, anche l’affitto delle stesse cambierà

Ciò è evidente se si osservano i tipi di case più ricercati in questi giorni di isolamento, che si distinguono per avere molto spazio con luce come balconi, terrazze e, per i più fortunati, aree verdi comuni o giardino.

Sono queste le caratteristiche che renderanno un appartamento più richiesto da ora in poi. Si può senz’altro dire che i nuovi modi di vivere richiedono un cambiamento nel design e nella struttura .

D’ora in poi, le nuove case dovranno avere una terrazza e un ufficio. Si tratta senza dubbio di due caratteristiche necessarie per lavorare e avere un piccolo spazio per il tempo libero per rilassarsi e riposare.

Lo diciamo perché sembra che il coronavirus abbia cambiato la percezione che gli italiani avevano su come dovrebbe essere una casa o un appartamento perfetto .

Indubbiamente, è ancora troppo presto per fare affermazioni troppo perentorie e i cittadini che sono proprietari troveranno difficoltà a cambiare proprietà, perché ovviamente devono prima vendere.

 

Tendenze in evoluzione negli acquisti domestici dopo il coronavirus

 

Tuttavia, ciò non significa che il mercato non stia già cambiando e che non emergano tendenze che finora non esistevano.

 


Acquisto di immobili e appartamenti residenziali

Prima, abbiamo commentato che le case più ricercate in questi giorni di isolamento sono quelle che hanno molti metri quadrati, sono luminose o hanno una terrazza o un giardino. Senza dubbio, poche sono le case che soddisfano questi requisiti in una grande città come Milano. Per questo motivo, molte persone cercano aree residenziali e proprietà come ville o case a schiera con spazi all’aperto, magari fuori città.


 

Riprogettazione della stanza

Se una cosa ha attirato l’attenzione dei media in questi giorni di reclusione è come gli italiani abbiano svolto il telelavoro nelle loro case. E il telelavoro (detto anche impropriamente smart working) è qui per restare.

Pertanto, la ricerca di appartamenti e case con un ufficio sembra essere la nuova tendenza tra le persone che cercano di affittare o acquistare.

La buona notizia è che se la proprietà non ha un ufficio, una stanza può essere adattata per renderla un posto di lavoro . Questo può essere fatto in case con 3 o più stanze.

Per questo sono sempre più ricercate le case con con più metri quadrati. 

Digitalizzazione e utilizzo di nuove tecnologie per vendere e visualizzare case

La tecnologia è uno dei migliori strumenti di cui dispongono gli esseri umani. Nel caso di vendite di proprietà, ci sono servizi come tour virtuali che facilitano la ricerca di una nuova casa.

Dalla comodità di casa casa nostra possiamo accedere e vedere chiaramente com’è l’appartamento che vogliamo acquisire.

 

Pertanto, le agenzie immobiliari di maggior successo sono quelle che offrono servizi come tour virtuali o home staging .

 

Questo è ancora un nuovo modo che ci consente di mettere in vendita una casa con estrema efficienza.

Per questo, viene utilizzata una tecnologia che consente di realizzare una messa in scena di quella casa che si desidera vedere in modo multimediale in base a video o immagini per fare una passeggiata letteralmente virtuale al suo interno.

I vantaggi di questo sistema sono evidenti, aumentiamo la possibilità di vendere acquisendo un profilo acquirente più ampio (ad esempio, gli stranieri).

Inoltre, può essere di aiuto a quei potenziali acquirenti che sono indecisi nel prendere una decisione finale e ad acquistare.

In breve, sul rendimento economico di questo tipo di servizi vale sicuramente la pena investire .

Case e appartamenti più richiesti

Quando si tratta di acquistare un appartamento o una casa, tutto dipende dai nostri gusti e dal nostro portafoglio. Ma la verità è che le case e gli appartamenti più richiesti sono generalmente grandi, spaziosi e con molte stanze.

Fortunatamente, ci sono opzioni possibili per molti cittadini, come case in periferia, case con balconi situate lontano dal centro e piccoli appartamenti ben posizionati con terrazze.

Queste sono alcune delle possibilità dei futuri acquirenti che possono incoraggiare molte persone a viverci. Se ci pensiamo, il fattore spazio è un limite, ma può essere risolto in diversi modi.

Uno di questi sta nel comprare case lontano dal posto di lavoro. Alla fine, il telelavoro aumenterà. 

Ovviamente, è una questione di gusti e bisogni. Non è lo stesso che l’acquirente sia una coppia di una famiglia con più figli.

Una vita sempre più digitale

Un altro cambiamento nelle abitudini di acquisto dopo il coronavirus riguarderà il mondo digitale. Prima nel menzionare che il telelavoro doveva restare, in realtà, ci riferivamo alla digitalizzazione.

Ed è quasi certo che molte delle operazioni che sono state precedentemente eseguite di persona fino ad ora, in seguito vengono eseguite in modo digitale .

Potrebbe volerci del tempo per vedere questi cambiamenti, ma se anche la figura del notaio esisterà sempre, ciò non significa che alcune formalità possano essere trasformate in digitali come permessi, contratti di vendita e così via .

In breve, la pandemia di coronavirus ha completamente cambiato la nostra vita e il settore dell’edilizia abitativa è uno di questi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *