Primo metodo: lettera all’esecutato

Questo metodo è utilizzato per lo più da chi non vuole andare a suonare alla porta del proprietario e quindi preferisce rimandare il contatto con l’esecutato.

 

lettera all'esecutato

 

Il metodo consiste per prima cosa nel valutare in perizia se l’immobile dispone dei requisiti per essere stralciato e quindi una volta recuperato l’indirizzo nell’andare dal proprietario e inserire la lettera “esca” per essere richiamati dall’esecutato.

 

Vantaggi: Evitando il contatto diretto, anche i soggetti introversi hanno modo di avviare la trattativa.

 

Con frasi “chiave” inserite nella lettera si verrà con molte probabilità ricontattati dall’esecutato e quindi si potrà instaurare un rapporto per ottenere la delega a stralciare i loro debiti.

 

Svantaggi: molti esecutati tendono a cestinare le comunicazioni via lettera per paura che si tratti di solleciti di pagamento. Molti esecutati non vogliono spendere soldi per richiamare un perfetto estraneo.

 

Secondo metodo: il contatto diretto

 

Senza dubbio è il sistema migliore per via della più alta percentuale di riuscita.

 

E’ infatti palese che una volta suonato alla porta del proprietario costui aprendo farà immediatamente nascere un dialogo.

 

immobiliare contatto diretto

 

Vantaggi: contatto diretto con la persona giusta, poca dispersione di tempo. Facilità, una volta rotto il ghiaccio, di ottenere la delega.

 

Svantaggi: le persone timide potrebbero sentirsi imbarazzate a suonare direttamente alla porta del debitore. Sono per lo più motivi di vergogna, timidezza, paura del rifiuto e motivi simili. Altri svantaggi proprio non ne vedo. In conclusione, il contatto diretto è senza dubbio da preferire alla lettera. Qualunque tecnica tu utilizzerai per raccogliere la tua prima delega sai con certezza che senza incontrare l’esecutato sarà impossibile guadagnare con gli stralci immobiliari.

 

Perché lo stralcio conviene al debitore

 

I problemi dell’esecutato, dopo che ha perso la casa perché venduta all’asta, non terminano.

 

Infatti la maggior parte delle aste andate aggiudicate non riesce a chiudere il debito dell’esecutato che rimane senza casa e con un debito sulle spalle che per forza degli interessi composti diventa un “mostro” con il passare degli anni.

 

stralcio debitore

 

Significa l’impossibilità di ottenere prestiti ed il pignoramento di una quota dello stipendio o della pensione.

 

Noi investitori immobiliari dobbiamo fargli capire che lo stralcio può consentire loro di liberarsi dai debiti. Perderanno la casa, ma con noi usciranno per sempre puliti dall’operazione potendo eliminare i debiti e dopo 5 anni anche la segnalazione di cattivo pagatore. Infatti con lo stralcio non risulterà una vendita forzata, ma una regolare vendita. Lui ne esce senza debiti e senza esecuzione forzata. Ma lui queste cose non le sa. Preferisce a volte chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare dagli eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag:, , , ,