fbpx

Sempre più case in vendita nelle aste giudiziarie in Italia

conviene comprare all'astaIl numero di case vendute all’asta in Italia è in crescita. Secondo l’ultimo rapporto semestrale di Sogeea, il numero di case messe all’asta in Italia ( caso all’asta ) è aumentato del 21,5% negli ultimi sei mesi. Queste case sono state in genere precluse a persone che purtroppo non sono in grado di pagare i propri debiti e le proprietà sono vendute al miglior offerente. Sandro Simoncini, regista di Sogeea, aiuta idealista / news a spiegare questa tendenza in crescita nel settore immobiliare italiano.

Aste immobiliari in diverse parti d’Italia

Secondo il rapporto semestrale del Centro studi Sogeea sulle aste immobiliari in Italia, il numero di case precluse attualmente in vendita forzata era di 21.737, rispetto ai 17.899 di gennaio. Questo è il secondo aumento consecutivo dopo un periodo di due anni di costante declino.

Questa cifra è caratterizzata da marcate differenze nelle aree italiane: la situazione è chiaramente peggiorata nell’Italia centrale, dove il numero di case messe all’asta è passato da 3.441 a 5.482 (un aumento del 59,4%), e nel sud , dove le procedure aperte sono attualmente 4.527 rispetto a 3.399 sei mesi fa (+ 33,2%). L’incremento nelle isole principali è stato più contenuto (+ 15%), con 2.537 case in vendita, rispetto ai 2.207 di gennaio. Il nord del paese è sostanzialmente stabile: ci sono 9.191 case in asta, il numero più alto in termini assoluti, ma più o meno in linea con i record di inizio anno (8.852).

A livello regionale, poco meno di un quinto del numero totale di case in vendita all’asta sono in Lombardia (4.028), la regione con il maggior numero di immobili in vendita, con un ampio margine rispetto al Lazio (2.463), Sicilia (2.026 ), Toscana (1.872) e Veneto (1.728). I luoghi meno colpiti da questo fenomeno delle aste di case sono il Friuli-Venezia Giulia (85 case vendute all’asta), la Valle d’Aosta (56) e l’Umbria (37). Per quanto riguarda le province, tuttavia, spiccano le 1.053 case in vendita a Catania, una cifra seconda solo a Roma (1.468). Poi arrivano Bergamo (880), Pavia (654), Ancona (627), Brescia (620), Torino (535), Pistoia (530) e Taranto (492).

Perché vengono vendute più case all’asta in Italia?

“Una casa che finisce in asta è la conseguenza di un impegno finanziario che non è stato rispettato”, spiega Sandro Simoncini, direttore del Centro studi Sogeea. “Queste sono difficoltà che risalgono a diversi anni, di solito almeno cinque. L’aumento del numero di immobili in vendita con la forza ci dice, innanzitutto, che la lunga ondata di sofferenza bancaria in Italia non è ancora terminata. È vero che molti istituti di credito tendono ad essere meno aggressivi e rinegoziano gli accordi con i loro clienti, ma in ogni caso molti immobili [recuperati] continuano ad entrare sul mercato “.

L’aumento delle aste immobiliari è una situazione allarmante?

Di conseguenza, ci sono grandi appezzamenti nel paese che sono stati indeboliti da una crisi di oltre dieci anni. Come si può vedere dai dati geografici, la situazione è particolarmente grave in molti dei territori storicamente più fragili dal punto di vista socioeconomico “.

“La sospensione delle imposte preferenziali precedentemente avviate”, l’ipotesi di Simoncini, “potrebbe aver bloccato alcuni soggetti disposti ad acquistare. In generale, tuttavia, il mondo delle aste immobiliari sta attraversando una fase di evoluzione ed espansione, mentre viene affrontato da un numero crescente di persone: non è più un settore di nicchia come lo era fino a poco tempo fa “.

Che impatto ha il settore delle aste immobiliari sul mercato immobiliare in Italia?

“Le aste sono ancora limitate nel mercato immobiliare rispetto alle normali vendite, ma la digitalizzazione sta cambiando rapidamente le cose. Grazie a portali specializzati e strumenti IT, praticamente tutte le fasi [del processo di registrazione] possono essere gestite da remoto. Tuttavia]: dalla scelta della proprietà e consulenza alla documentazione per fare un’offerta. Innovare, semplificare e rendere il mondo delle aste più trasparente significa espandere automaticamente il pubblico dei potenziali acquirenti. “

Prezzi delle case in vendita all’asta in Italia

Le fasce di prezzo per queste proprietà sul mercato sono rimaste stabili. La maggior parte delle case messe all’asta ha un prezzo di vendita iniziale molto basso: il 66,3% di esse non supera i 100.000 euro, una quota che sale addirittura all’88,6% se si considerano quelli compresi nell’intervallo tra 100.000 e 200.000 euro. Considerando che la stragrande maggioranza delle case appartiene a persone che non sono state in grado di rispettare un impegno finanziario, generalmente un mutuo per l’acquisto di una prima casa, si conferma che gli anni della crisi economica in Italia hanno colpito particolarmente duramente gruppi di reddito medio-basso.

Queste case economiche in vendita in Italia possono avere un impatto positivo per gli acquirenti?

“Il mercato offre buone opportunità di investimento, forse per una giovane coppia con risorse finanziarie limitate”, secondo Simoncini. “Molti istituti bancari forniscono strumenti ad hoc per procedere all’acquisto e i meccanismi dell’asta sono trasparenti e generalmente semplici: quelli con denaro possono ottenere buone offerte e c’è sempre la possibilità di ottenere aiuto da un professionista del settore per avere la sicurezza di non fare passi falsi “.

Come vengono gestiti i meccanismi delle aste giudiziarie e come possono essere migliorati?

“Come in tutti i settori, deve rispettare le leggi della domanda e dell’offerta”, riflette l’ingegnere. “Ci saranno sempre proprietà molto interessanti e altre più difficili da vendere: per quanto riguarda la prima, è facile che il prezzo dell’asta sia ben al di sopra della linea di base, ma per la seconda, ovviamente, c’è rischio di una serie di sconti o forse di essere invenduti.L’informatizzazione delle procedure rende più facile per il potenziale acquirente capire il tipo di casa che sta affrontando e la corrispondente deliberazione. L’accesso a quante più informazioni possibili riduce i fattori rischio e, se necessario, puoi sempre fidarti che un professionista sarà ancora più calmo “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Warning: Use of undefined constant s - assumed 's' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/lacasadizoe/wp-content/themes/lacasadizoe-1/single.php on line 44